SPEDIZIONE GRATIS PER ORDINI SUPERIORI A 35€

Tonico esfoliante

tonico esfoliante

Per capire se davvero un cosmetico funziona oppure no, è necessario aspettare almeno 40 giorni, un ciclo intero di rinnovo cellulare epidermico, questo vale anche per il tonico esfoliante, ma andiamo con ordine cos’è e a che cosa serve? Un tonico esfoliante è un buon modo per risolvere il problema di esfoliare la pelle senza pmetterci molto.

Se si ha la pelle mista, si può avere un problema di pori dilatati sul naso, per cui esfoliare la pelle è sicuramente uno dei modi migliori modi per risolvere il problema, oltre a mantenere la pelle più luminosa, i prodotti agiscono e penetrano meglio e, inoltre, la pelle non diventa più spessa e così anche le rughe sono meno evidenti.

L’esfoliazione è uno step che dovremmo inserire almeno una o due volte alla settimana. I benefici per la pelle sono tanti: il tonico efloliante elimina le cellule morte dello strato più superficiale della pelle, e stimola il rinnovamento, rende la pelle più liscia, omogenea e luminosa.

Senza contare che i princìpi attivi dei cosmetici che sono usati successivamente potranno penetrare più a fondo ed essere così molto più efficaci rispetto a prima. Il mondo dell’esfoliazione però è più ampia: in questo caso si parla di esfolianti meccanici, perché svolgono la loro funzione con sfregamento dei microgranuli; esistono poi anche gli esfolianti chimici, a base invece di acidi della frutta.

Un particolare tipo di esfolianti chimici sono i tonici: il tonico esfoliante va scelto in base alla tipologia di pelle, perciò chi ha la pelle mista e ha bisogno di purificarla in profondità, oppure chi ha cute opaca, spenta oppure macchie può trarre beneficio da un tonico esfoliante, meglio ancora se si tratta di un tonico esfoliante bio.

Dal momento però che sono prodotti delicati rispetto al classico scrub spesso le loro formule sono bilanciate da ingredienti lenitivi o idratanti, per essere adatti a tutti i tipi di pelle.

Ci sono delle tipologia di tonico esfoliante a base di acido glicolico

Questo un ingrediente naturale utile per rinnovare la pelle, usato anche come antietà o in caso di macchie solari o segni di acne. Il tonico si usa per preparare la pelle ai trattamenti successivi, ma anche da solo, per pulire bene la pelle. Dopo l’utilizzo la pelle è più luminosa.

Il miglior tonico esfoliante ha ingredienti che stimolano il rinnovo cellulare, acidi della frutta, che svolgono una sorta di micro peeling ma più delicato rispetto agli scrub classici con i granuli.

Un tonico esfoliante bio è ottimo per pelli con impurità, con cute ispessita e colorito spento, normalmente ha anche degli ingredienti antibatterici, come, ma non solo, il timo, il limone o l’origano, ma anche un mix di attivi ad azione equilibrante e lenitiva, perciò un buon tonico esfoliante naturale è un prodotto adatto a tutti perchè non solo idrata e rinfresca la pelle, ma si assorbe completamente senza lasciare residui.

Le lozioni e i tonici a base di acidi esfolianti, sono i nuovi cosmetici dei quali non si può fare a meno per rinnovare la pelle, ma a anche per schiarire le macchie e avere una incarnato più luminoso.

Alle meno esperte, la parola acido potrebbe spaventare. Ma basta solo informarsi un pò di più sugli acidi esfolianti e i principali errori da evitare per farne un utilizzo assolutamente sicuro.

Cosa sono gli AHA, BHA e PHA?

Un AHA è un alfa idrossiacido da una fonte vegetale, spesso dalla frutta. Tra i più famosi spiccano l’acido lattico, l’acido citrico e quello glicolico che, usati a diverse concentrazioni, sono in grado di eliminare le cellule morte della pelle. I Beta idrossiacidi (ovvero gli BHA), hanno più o meno la stessa funzione e il più famoso è l’acido salicilico, adatto soprattutto per rinnovare la pelle grassa e acneica.

I polidrossiacidi, PHA, hanno delle molecole più grandi, e non possono penetrare in profondità come gli AHA e i BHA, quindi risultano più delicati e adatti alla pelle sensibile, ideali per chi ha la pelle secca perché, oltre ad essere spesso presenti in un tonico esfoliante, sono anche idratanti, in grado di trattenere l’acqua. Tra i più utilizzati citiamo il gluconolattone e il galattosio.

Quali sono i vantaggi di un tonico esfoliante per la pelle?

Se usati correttamente apportano una serie di benefici per la pelle: affinano la grana, restringono i pori, stimolano il rinnovamento cellulare, riducono la pigmentazione e migliorano l’assorbimento di sieri e altre sostanze idratanti. Cosa significa? In un solo prodotto spesso si ottengono più risultati. E per quanto riguarda le tipologie, è possibile utilizzarle tutte perché hanno effetti diversi a seconda dell’utilizzo e del tipo di pelle.

Conosciuti come ricchi di sostanze purificanti, un tonico viso esfoliante, utilizza sostanze chimiche come appunto alfa idrossiacidi, beta idrossiacidi e poliidrossiacidi per eliminare le cellule morte della pelle, lasciandola più liscia e luminosa. Grazie agli ingredienti attivi, questi cosmetici sono spesso molto efficaci e più delicati degli scrub classici.

Un esfoliante fisico rimuove solo le cellule morte della pelle in superficie, quello liquido, come il tonico esfoliante, agisce più in profondità, sciogliendo i legami tra le cellule, permettendo così alla pelle di rinnovarsi in modo più profondo.

Come utilizzare al meglio questo tonico

Dopo la detersione serale, è meglio iniziare con una sola applicazione a settimana del miglior tonico esfoliante. Lozione e tonici vanno applicati con un batuffolo o un dischetto di cotone, evitando il contorno occhi, oppure se preferite, potete usare direttamente le mani, ben pulite, tamponando sino a completo assorbimento del tonico esfoliante.

Prima, è importante fare una piccola prova in una zona nascosta del collo o del polso: se la pelle si arrossa o brucia vuol dire che è troppo forte per voi, meglio quindi provare qualcosa di più leggero. Esistono diversi prodotti sulla cui etichetta è indicata la percentuale di concentrazione dell’acido: se il 10% è troppo, potete iniziare con un 5%.

Poi, la protezione solare dovrebbe già far parte della vostra routine, a maggior ragione quando si usa un tonico esfoliante a base di acido, per prevenire la formazione delle macchie dovute all’esposizione solare.

Il tonico esfoliante è spesso sottovalutato dalle donne, ma è una di quelle cose che non dovrebbe mai mancare nella skincare quotidiana, sia mattutina che serale. Magari con una fascia più o meno alta e con diverse funzioni.

Altre informazioni per te…

L’utilizzo si posiziona subito dopo la fase di strucco del viso e prima di tutto il resto (che siano maschere, sieri, o semplicemente una crema idratante o la protezione solare). L’utilizzo regolare la mattina e la sera garantisce alla pelle un aspetto luminoso, sano e pulito fino in profondità. Non tutti i tonici sono uguali.

Alcune tipologie di tonico esfoliante hanno una funzione più sebo regolatrice e ristabiliscono l’equilibrio della pelle messa magari a dura prova da prodotti troppo aggressivi. Altri hanno un effetto più esfoliante e rimuovono la parte più superficiale delle cellule morte, donano luminosità alla pelle.

Altri sono idratanti e preparano la pelle a ricevere nel migliore dei modi i trattamenti che verranno dopo; tutto dipende un pò da cosa si vuole in quel momento per la pelle, se necessita di essere coccolata un pò oppure se serve pulirla più in profondità, si può scegliere un tipo di tonico esfoliante bio, o il miglior tonico esfoliante a seconda dell’utilizzo che se ne vuole fare. Prima di tutto è essenziale conoscere il proprio tipo di pelle: se è secca, se è normale, mista, oppure sensibile o grassa.

Da qui si può iniziare a capire quali siano i tonici più adatti

Il secondo passo è decidere di cosa abbiamo più bisogno: vogliamo puntare su un esfoliante o qualcosa di più delicato? Cerchiamo un tonico specifico per mattina o sera? O vorremmo un unico prodotto che incarni tutto questo nel miglior tonico esfoliante del mondo?

Quale tonico scegliere? Non è semplice come si può credereEsiste anche la possibilità di alternare diversi prodotti. La mattina magari si preferisce un tonico esfoliante, con un basso contenuto di acido glicolico che dia luminosità alla pelle senza stressarla.

I tonici con una concentrazione al 5% di acido glicolico possono essere utilizzati di mattina. Con una percentuale più alta è meglio utilizzarli la sera per la loro fotosensibilizzazione, attenzione anche alle pelli più sensibili, meno adatte a questo tipo di tonico esfoliante. I tonici sono anche essenziali prima dell’applicazione di una maschera perchè fanno in modo che la pelle sia detersa perfettamente e pronta ad assorbire le preziose sostanze attive del trattamento che andremo a mettere in un momento successivo.

L’esfoliazione è uno step molto importante, anzi fondamentale della routine di bellezza e che si dovrebbe eseguire almeno 1 o meglio 2 volte a settimana per una pelle sana e luminosa. Oltre ad eliminare lo strato superficiale di cellule morte, ha differenti azioni tra cui il rinnovamento cellulare che rende la pelle del viso più liscia ed elastica quasi istantaneamente.

Solitamente tra i prodotti esfolianti più comuni c’è lo scrub, tuttavia sono state introdotte sul mercato formulazioni innovative come il tonico esfoliante, indicate per le pelli più sensibili e delicate e che hanno un bilanciamento di ingredienti lenitivi ed idratanti contemporaneamente all’azione esfoliante che è comunque molto efficace anche se delicata.

Un tonico esfoliante ha un potere purificante che agisce in profondità

Ha il potere di uniformare la pelle e aiuta a eliminare le macchie, ravvivanso l’incarnato, contrastando opacità e colorito grigiastro.Secondo le beauty addicted il miglior tonico esfoliante è un vero must have, facile da utilizzare e molto pratico per rendere più veloce la routine di bellezza, evitando l’applicazione di scrub e maschere viso che richiederebbero di sicuro molto più tempo.

Un’ampia gamma di packaging cosmetici di tonico esfoliante bioElemento anche da non sottovalutare è la linea di flaconi e vasi personalizzati, realizzati con materiali di altissima qualità che consentono di mantenere inalterate le caratteristiche della formula del tonico esfoliante nel tempo.

Molto flaconi tra cui scegliere, con materiali riciclati ma del tutto simili alla plastica trasparente, un pack pratico ma ecosostenibile per un’alternativa eco-friendly, realizzati spesso con plastica r-pet color ambra è perfetto per mettere in risalto la naturalezza delle formule.

Anche il packaging più adatto alle esigenze del miglior tonico esfoliante è importante perchè lo difende dalla luce solare, dal calore eccessivo e lo rende pratico e personalizzalo con astucci ed etichette chiare e che non svaniscono nel tempo.

È molto importante infatti conservare il tonico esfoliante scelto nella sua confezione originale e al riparo dalla luce diretta e leggere sempre attentamente le istruzioni di utilizzo e la lista completa degli ingredienti (detta anche INCI) per poter utilizzare in modo sicuro anche il miglior tonico esfoliante. Se sei interessata ad altri articoli di questo genere continua a seguirci sul nostro blog e sui nostri canali social.

Articoli Correlati